Coldplay – Coloratura

Scritto da il 27 Luglio 2021

Su Radio Zena a partire da lunedì 26 luglio fino a domenica 1 agosto 2021  Coloratura suona come “Disco Ora” alle 3alle 9alle 15 e alle 21.

 

Dopo il grandissimo successo di Higher Power, il Coldplay rendono disponibile Coloratura, secondo singolo estratto dal futuro nono album in studio Music of the Spheres, che vedrà la luce il successivo 15 ottobre.

 

Venerdì 23 luglio 2021 è uscita questa nuova e bella canzone, della durata di oltre dieci minuti, nel cui testo Chris Martin cita l’astronomo Galileo, i programmi Pioneer e Voyager, nebulose, stelle (Betelgeuse) e Oumuamua, noto anche come 2017 U1, il primo asteroide interstellare classificato come tale, scoperto nel 2017. Fino ad allora, l’esistenza di asteroidi e comete interstellari era solo un’ipotesi. Il brano è stato prodotto da Oscar Holter, Max Martin & Bill Rahko.

Nell’attesissima nona era discografica della rock band britannica, saranno presenti un totale dodici tracce inedite.

 

I Coldplay sorprendono con “Coloratura”, 10 minuti che tirano in ballo la grandeur degli Abbey Road Studios dei bei tempi andati

Chi se lo sarebbe aspettato dai Coldplay e Max Martin. Dopo un singolo mangia classifiche come Higher Power, tra orientalismo, hi-tech e alto tasso glicemico a pronta presa per le classifiche, arriva Coloratura, una super ballad di quelle adult oriented con un afflato intimo e una produzione a richiamare la grandeur dei vecchi tempi, quella che si respirava agli Abbey Road Studios quando di lì passavano Beatles e Pink Floyd.

 

Proprio quest’ultimi, in versione gilmouriana, vengono in mente nel ritornello, per come è arrangiato e cantato (metti qualcosina di Comfortably Numb), e poi nell’uso del solo alla elettrica piazzato in un punto strategico dei vari cambi di tempo e scenario del pezzo, una mini suite della durata di 10 minuti in cui c’è un po’ di tutto (carrillon disneyiano, new age, arena rock, cosmica) ma che in sostanza nasce da una pop ballad al piano, nella più classica tradizione di Paul McCartney e Elton John, e delle canzoni che parlano d’amore in un mondo che va a rotoli, un «mondo assurdo» ma «quel che conta sei tu».

 

Senz’altro non siamo ai livelli delle discografie maggiori dei gruppi sopracitati ma è bello esser smentiti da una band data più volte per bollita ma che anche in tempi recenti – vedi Everyday Life – è stata in grado di dare buoni segnali d’ispirazione, non riducendosi alla macchina del consenso e degli stream. Certo che le classifiche contano, come del resto sono fondamentali per i loro referenti principali in termini di carriera (gli U2), ma non di sole chart vivono i Nostri. L’unico dubbio fondato che rimane da fugare è che questo sia l’unico brano fatto in questa maniera del disco. È posto in chiusura non a caso, verrebbe da dire. Staremo a vedere.

Qui sotto ecco i link per ascoltare Coloratura sulle principali piattaforme streaming

 

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Leggi

Radio Zena

RADIO ZENA lo sa...

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background