play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio Zena

  • cover play_arrow

    Simply Good Music #424 Gigi DJ

Disco Ora

Fink – Black Hole Sun

today20 Marzo 2024 31

Sfondo
share close

Su Radio Zena a partire da lunedì 18 fino a domenica 24 marzo la canzone “Black Hole Sun” di Fink suona come “Disco Ora” alle 2, alle 8, alle 14 e alle 20.

 

Fink, eclettico DJ, cantautore e produttore inglese, ha realizzato una cover di “Black Hole Sun” dei Soundgarden per essere pubblicata sulla nuova “Lowswing Session”, ovvero una serie di compilation registrate e mixate in analogico e stampate sui vecchi supporti ovviamente non digitali.

La Lowswing Session è stata creata da Guy Sternberg, un purista analogico con sede a Berlino e proprietario di Lowswing Records, etichetta specializzata solo in vinile, con tutte le registrazioni e le pubblicazioni analogiche e non digitali mirate direttamente al mercato degli audiofili.

Tornando al lavoro di Fink, grazie alla partecipazione del leggendario bassista Tim Lefebvre (Jon Batiste, Bowie) e del batterista Earl Harvin (Seal, Jeff Beck), il disco è stato registrato durante un fine settimana nella primavera del 2023 ai Tritonus Studios di Berlino direttamente su nastro. Masterizzato ad Abbey Rd e tagliato presso i leggendari Air Studios di Londra.

Si tratta di bellissimo disco molto gradevole da ascoltare, in cui Fink presenta delle cover non solo dei Soundgarden ma anche di Bowie, The Smiths, Little Feat, Roni Size e Muddy Waters, oltre a un paio di sue tracce ben note.

 

Non è la prima volta che un artista propone la propria cover di “Black Hole Sun“ singolo pubblicato il 13 maggio 1994 come terzo estratto dal quarto album in studio “Superunknown”.dei Soundgarden che rimase per ben 7 settimane in cima alla Billboard Mainstream Rock Tracks ed  è stata premiata per la Miglior interpretazione hard rock ai Grammy Awards 1995.

Nel 2005 Paul Anka ha reinterpretato il brano in versione jazz. La reinterpretazione è presente nell’album Rock Swings.

Nel 2006 Peter Frampton ha incluso una sua versione del brano nel suo album strumentale Fingerprints, mentre i Copeland ne hanno registrato due diverse per la raccolta dello stesso anno Dressed Up & in Line.

La cantante statunitense Anastacia ne ha registrato un’altra per il proprio album di cover rock maschili It’s a Man’s World, pubblicato nel 2012.

Dopo la morte di Cornell nel 2017 hanno reinterpretato il brano Ann Wilson (al Jimmy Kimmel Live!), Ryan Adams, Metallica, Guns N’ Roses, Norah Jones e molti altri artisti in concerto in onore al frontman dei Soundgarden.

 

 

Scritto da: Radio Zena

Rate it

0%