play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio Zena

  • cover play_arrow

    Network Satellite #40 Gianni De Luise

Disco Ora

Moby, Lady Blackbird – dark days

today26 Marzo 2024 33

Sfondo
share close

Su Radio Zena a partire da lunedì 25 fino a domenica 31 marzo la canzone “dark days” di Moby e Lady Blackbird suona come “Disco Ora” alle 6, a mezzogiorno, alle 18 e a mezzanotte.

 

Moby torna con un nuovo album. Si intitolerà “always centered at night” e uscirà il prossimo 14 giugno sulla sua etichetta omonima. Al disco, che arriva a 4 anni di distanza dalla precedente raccolta di inediti “All Visible Objects“, hanno collaborato 13 artisti diversi su 13 tracce, selezionati tra i suoi cantanti preferiti, incluso il defunto Benjamin Zefaniah, Serpentwithfeet, Lady Blackbird e la cantautrice sudanese Gaidaa.

Ad anticipare il disco, il singolo “dark days“, con la partecipazione appunto della cantautrice soul-jazz Lady Blackbird.

Insieme all’album, Moby – pseudonimo di Richard Melville Hall (pronipote di Herman Melville, l’autore di “Moby Dick) – ha annunciato le prime date dal vivo in oltre dieci anni di un tour che celebrerà il 25° anniversario del suo capolavoro “Play“: in scaletta, tutti i suoi principali successi, oltre ai pezzi del nuovo album.

Il tour approderà in Europa a settembre ma al momento non è previsto alcun concerto in Italia, dove la sua ultima apparizione risale al 2011, con tre date, l’ultima delle quali al “Rock in Roma” il 24 luglio.

Il 100% dei profitti del tour andrà a beneficio delle organizzazioni europee per i diritti degli animali.

 

Sono passati più di 10 anni dall’ultima volta che ho fatto un tour, ma qualcuno mi ha ricordato che nel 2024 ricorre il 25° anniversario dell’uscita di ‘Play’, così mi è sembrato che non fosse una cattiva idea fare un breve tour europeo per commemorare e festeggiare – ha commentato Moby – Lo spettacolo conterrà le canzoni più conosciute di ‘Play’, ma anche alcuni brani preferiti dal pubblico, come ‘Extreme Ways’, ‘We Are All Made Of Stars’, ‘When It’s Cold I’d Like to Die’ e persino alcuni vecchi brani rave come ‘Feeling So Real’ e ‘Go’. Ciò che rende il tour più eccitante per me è che non sarò pagato per nulla. Il 100% dei miei profitti sarà devoluto alle organizzazioni europee per i diritti degli animali“.

La regia di Moby è quella di un musicista globale: cantante, compositore, produttore, con quelle piste di registrazione a frullargli incessantemente in testa. E lo studio, assai più che il palco, è il suo tempio naturale, il laboratorio di tutte le sue alchimie. Generato dalla fusione a freddo tra due archetipi sonori contrapposti (il bluesgospel delle radici e l’elettronica proiettata nel Duemila), l’amalgama di “Play” è incredibilmente fluido, coeso, credibile.

Alternativo quanto basta, gradevole ancora di più. Un tripudio di ritmi e melodie che azzarda oltre l’immaginabile, nel solco di quella sfrenata smania di contaminazione e di camuffamento che connoterà un decennio intero, da DJ Shadow fino ai Portishead. Il disco giusto al momento giusto, uscito per rilassare una generazione stremata dai rave-party e cullarne un’altra, che si avvicinava all’elettronica per la prima volta.

Meno ostico e pionieristico di certo trip-hop, il “Mobysound”, definitivamente cristallizzato in questo album – e mai più ritrovato negli sbiaditi sequel- sdogana un enciclopedico universo sonoro al grande pubblico (ecco il suo peccato originale per gli immancabili indie-snob), facendoglielo metabolizzare (ecco invece l’altra magia) in modo semplice e indolore, come se si trattasse di qualcosa di familiare, che ha sempre ascoltato. Subliminale. Proprio come uno degli innumerevoli spot pubblicitari che ne ingloberanno la musica. Basta premere il tasto “Play”.

 

 

 

Scritto da: Radio Zena

Rate it

0%